notizie

La Cina impone restrizioni alle startup per i veicoli elettrici

В

Attualmente ci sono 486 produttori di veicoli elettrici registrati in Cina e il numero è triplicato negli ultimi due anni. Per evitare bolle nel settore, il governo sta valutando l'introduzione di misure per i produttori di veicoli elettrici, ha affermato Bloomberg.

Pechino prevede di aumentare le condizioni per entrare nel mercato dei veicoli elettrici, nonché di rafforzare il sostegno a quei pochi, ma più competitivi, attori. Inoltre, la Cina vuole imporre restrizioni all '"esportazione" della produzione di auto da parte delle startup. In questo modo, il governo vuole evitare lo scoppio della bolla di mercato che dal 18 ha attratto nelle casse del governo 2011 miliardi di dollari.

Le nuove regole andranno ad integrare le regole entrate in vigore questo mese e consentiranno alle aziende di “gestire” l'esportazione della loro produzione verso le case automobilistiche storiche. Tuttavia, le regole attualmente non definiscono quali aziende stanno "facendo".

Secondo gli ultimi dati, i produttori di veicoli elettrici che desiderano utilizzare gli impianti di produzione di altre società avrebbero dovuto investire almeno 4 miliardi di yuan ($ 580 milioni) in ricerca e sviluppo in Cina negli ultimi tre anni, nelle statistiche di vendita globali, hanno almeno 15 veicoli elettrici venduti in negli ultimi due anni e il capitale totale della società di almeno 000 miliardo di yuan.

Le regole sono ancora soggette a modifiche a seconda delle persone che hanno familiarità con la materia. Il ministero dell'Industria e dell'Information Technology, responsabile dello sviluppo delle nuove regole, ha affermato che sono ancora in fase di revisione. Come passo successivo, il ministero condurrà una consultazione pubblica.

Le nuove regole richiedono anche la conclusione di contratti di produzione per un minimo di tre anni con la produzione di almeno 50 veicoli all'anno. Le startup potranno firmare accordi di produzione con non più di due case automobilistiche.

A seguito della notizia, le azioni di diversi produttori di veicoli elettrici sono aumentate: il più grande produttore di veicoli elettrici del paese, BAIC Motor, Geely e la principale startup elettrica cinese NIO.

Prodotti esportati

L'outsourcing è un modo rapido per le startup di inviare i propri modelli mentre stanno ancora pianificando di costruire le proprie fabbriche, il che può costare centinaia di milioni di dollari.

Considerato il principale rivale cinese di Tesla, NIO ha collaborato con Anhui Jianghuai per costruire i suoi veicoli, progettando di costruire la propria base di produzione a Pechino. L'azienda ha iniziato ad accettare consegne alla fine del 2017 e ha venduto oltre 16 veicoli entro la fine di aprile.

tag
Mostra di più

Articoli Correlati

Aggiungi un commento

Р'Р ° С € Р ° дрес email РЅРµ Р ± СѓРґРµС ‚РѕРїСѓР ± Р» РёРєРѕРІР ° РЅ. Обязательные поля помечены *

Torna a pulsante in alto
Arabic AR Bulgarian BG Catalan CA Chinese (Simplified) ZH-CN Croatian HR Czech CS Danish DA Dutch NL English EN Estonian ET Finnish FI French FR Georgian KA German DE Greek EL Hawaiian HAW Hindi HI Hungarian HU Indonesian ID Italian IT Japanese JA Kazakh KK Korean KO Latvian LV Lithuanian LT Norwegian NO Polish PL Portuguese PT Russian RU Spanish ES Swedish SV Turkish TR
Chiudi

Blocco annunci rilevato

Per favore considera di supportarci disattivando il tuo ad blocker